Novembre - Il tempo che fu

Vai ai contenuti

Menu principale:

Novembre

Rubriche > Radici di Fasani Rodolfo

Novembre "San Martin el ghén da ai sciori e el ghén te ai povèr"


Il novembre è considerato un mese quieto, tranquillo, fatto apposta per far riposare la gente dopo il lavoro duro della falciatura, mietitura e aratura ecc. Il solicello tramonta al momento giusto, prima che si fa buio. Le foglie cadono silenziose e formano al suolo un soffice tappeto, che inumidito da una nebbiolina leggera e discreta, ti lascia camminare tranquillo nel bosco in mezzo a quell'aria fine e pungente. Altri tempi forse …, ora abbiamo la nebbia fitta e inquinata che ti fa venire l'asma.
Al cader della sera, le strade deserte, le case illuminate i fuochi accesi, l'odor di legna bruciata e di castagne arrostite. E chi ricorda ancora il rosario nelle sere di novembre, mese dei poveri morti ?

Nel mese di novembre l'autunno è ormai nella sua pienezza con le foglie morte che svolazzano nei boschi e il profumo dei frutti maturi, come pere, mele e cachi. Un proverbio annota che il freddo comincerà a farsi sentire "Per i Santi, l'inverno è a casa propria", quindi si raccomanda "Per tutti i Santi fuori il mantello e i guanti". Per tutti i Santi un proverbio meteorologico dice "Se il giorno dei Santi il sole ci sta, un buon inverno va". In dialetto di Mesocco: "Ai Sant se vésctis i fant; a San Martin el grand e el pinin; a Sant'Andrea tuta la famia".

Altri proverbi: Il mese di bruma, dinanzi mi scalda e di dietro mi consuma / Se di novembre non avrai arato tutto l'anno sarà tribolato / Per i Santi la neve è per i campi e per i Morti la neve negli orti / Chi vuol far buon vino zappi e poti a San Martino / Per San Frediano si semina a piena mano / Per San Clemente smetti la semente / Per Santa Caterina o néiv o fréc o brina e la vaca in casina / Se di novembre tuona, l'annata sarà buona.

In generale in dialetto di Mesocco: Chesta noc l’a cantou el dudu (allocco),  l’è ségn che vo muri quaidun / El Signor el paga miga tuc i sabut, ma quand el paga el paga bègn / I nos véc i crédéva, che quand la sciuéta de noc la golava a prèsa la casan e la se fermèva a canta, e vuleva muri quidun / Incioldèt una bona volta che isci t’ai fénu da fam tribolà / Gh’e mort quidun. A san Péider i sona da mort: i a inviou la campana grosa, l’e segn che l’e un om, pèrché per la ferman i invia prima la campanula, duman alora gh’è gè el funeral / Te dré i oli sant in carzèla / Coma el va el di di uliv, gh’en va sèt a gualiv / la roba l’e miga de cui che la fa, ma de cui che la god / Cui che i e nét i e prést lavai / Un purscél scriful, el vegn mai gras / L’e indré un car de réf / Cun chel pas, par che ‘l va a smorza féch / De noc tuc i gat i e néghèr / El pan di altèr el gh’a sèt crosten / Quand es fa un sérvizi es gh’a da dismentighèl; quand se’l ricév, es gh’a da ricompensèl.



(Foto: San Martino)       a cura di Rodolfo Fasani

Torna ai contenuti | Torna al menu fpCount.exe.

Ultima modifica: