Il tempo che fu


Vai ai contenuti

Menu principale:


Pagina 1

IL Dialetto > Mesocco

Oggi vorrei scrivere alcune parole molto belle, oggi poco usate o scorparse totalmente, in dialetto e tradurle in italiano.



Barbisòn: uomo dai baffi lunghi

Scapam che 'l végn chell barbisón: mi gh' ò quasi paghéra:

Fuggiamo, che viene quel baffone: mi fa quasi paura.


Brasa: freddissimo, crudo
Che brasa chesta matina! I e cinq gradi sótt zero:
Che crudo stamattina! Sono cinque gradi sotto lo zero.



Gavinèll: spaviero
Gh' e in aria el gavinéll: tégnin d' écc la galinen:
volteggia lo spaviero, tenete d' occhio le galline.



Regretè: dispiacersi
El mè zió Zépin el régréta che chest' ann l' a miga pódu véni a ca per Nétal:
mio zio Giuseppe si dispiace che non è potuto venire a casa per Natale.


Home Page | Il perchè | Curiosità | Cartoline | Detti | Emigranti | Foto | Filastrocche | Giornali | IL Dialetto | Libri | Mail | Naturalizzazioni nel Moesano | Poesie | Ricette | Racconti | Video | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu
fpCount.exe.

Ultima modifica: